CHIRURGIA DEL PANCREAS


La chirurgia demolitiva del pancreas prevede alcuni tipi di intervento a seconda della localizzazione del tumore all’interno della ghiandola e all’istologia:

 • DUODENOCEFALOPANCREASECTOMIA

 • SPLENOPANCREASECTOMIA

 • PANCREASECTOMIA TOTALE

 • ALTRI INTERVENTI

 

DUODENOCEFALOPANCREASECTOMIA

L’intervento chirurgico, riservato ai tumori della testa pancreatica, del duodeno e della papilla di Vater, prevede l’asportazione della testa pancreatica, del duodeno, del primo tratto di intestino, del coledoco e della colecisti. L’intervento inizia con un’incisione che deve garantire l’esposizione dell’intera ghiandola. Molti chirurghi preferiscono un’incisione sottocostale bilaterale, ma anche un’incisione mediana è in grado di garantire un’eccellente esposizione degli organi intra-addominali e dei vasi.

Chirurgia del pancreas Pancreas

 

Dopo l’incisione chirurgica viene esplorato l’intero addome con particolare riguardo al fegato alla ricerca di eventuali micro metastasi. Il secondo passo consiste nel confermare la resecabilità della massa. A tal proposito si procede alla mobilizzazione del duodeno e della testa pancreatica per ricercare eventuali infiltrazioni dell’arteria e/o della vena mesenterica superiore da parte della neoplasia.

Una volta valutata l’effettiva resecabilità e lo stadio della malattia si procede alla sezione dello stomaco, allo scollamento della testa pancreatica dalla vena mesenterica superiore, all’isolamento della via biliare principale e alla sezione del pancreas al passaggio testa-corpo. Successivamente viene ricostruito mediante pancreo-digiunostomia (collegamento o anastomosi tra pancreas e intestino), epatico-digiunostomia (anastomosi tra la via biliare e l’intestino) e duodeno-digiunostomia.

 

Intervento chirurgico del pancreas
pancreas
funzioni

SPLENOPANCREASECTOMIA

L’intervento chirurgico viene proposto in caso di neoplasia del corpo-coda del pancreas. Come per la duodenocefalopancreasectomia si procede all’esplorazione degli organi addominali alla ricerca di eventuali micro metastasi. In caso di neoplasia resecabile si procede allo scollamento della grande curvatura dello stomaco per separarlo dal colon trasverso e dalla milza. Si espone così il corpo coda del pancreas. Dopo aver legato i vasi che vascolarizzano la milza (arteria e vena splenica) si procede alla mobilizzazione della milza e del corpo-coda del pancreas. L’intervento termina con la sezione del pancreas e l’asportazione in unico blocco del corpo-coda e della milza.

 

funzionalità del pancreas

PANCREASECTOMIA TOTALE

Questo intervento viene riservato ai casi di neoplasia intraduttale centrale che interessa tutto il dotto, nelle metastasi pancreatiche da carcinoma renale, nelle complicazioni dopo resezione pancreatica. In pratica consiste nell’eseguire la duodenocefalopancreasectomia e la splenopancreasectomia così da asportare l’intera ghiandola pancreatica. La continuità biliare e gastro-enterica viene ricostruita così come nella duodenocefalopancreasectomia.

 

ALTRI INTERVENTI DI CHIRURGIA

• PANCREASECTOMIA INTERMEDIA: resezione dell’istmo e del corpo pancreatico con ricostruzione della parte distale del pancreas con un tratto di intestino; riservato a piccole neoplasie endocrine o benigne dell’istmo o del corpo pancreatico

• ENUCLEAZIONE: si asporta solamente il nodulo, riservato a piccoli tumori endocrini distanti dal dotto pancreatico principale

• DERIVATIVE: in caso di non resecabilità ma in presenza di sintomi da occlusione del duodeno e/o dello stomaco si può eseguire un by-pass tra il coledoco e l’intestino e tra lo stomaco e l’intestino

• PANCREO-DIGIUNOSTOMIA: in caso di dolore e dilatazione del Wirsung da pancreatite cronica è possibile anastomizzare il dotto pancreatico principale dilatato con un tratto d’intestino

 

COMPLICANZE

La chirurgia del pancreas è una chirurgia complessa e le complicanze sono spesso dovute alla consistenza fragile e morbida del pancreas. Oltre alle complicanze emorragiche (legate a qualsiasi tipo di intervento chirurgico) o sistemiche (generali, come le complicanze respiratorie, cardiache o renali), le complicanze intervento-specifiche sono:

• Fistola pancreatica: fuoriuscita dai drenaggi di succo pancreatico dovuto alla filtrazione dello stesso tra un punto e l’altro dell’anastomosi pancreatica o a infiammazione della trancia pancreatica. Raramente richiede un reintervento ma sicuramente prolunga il decorso post-operatorio.

• Fistola biliare: analogamente alla fistola pancreatica consiste nella fuoriuscita di bile dall’anastomosi biliare

• Fistola enterica: molto più rara

• Pancreatite acuta: infiammazione e infezione del pancreas

• Rallentato svuotamento gastrico: dovuto alla paralisi, temporanea, della motilità gastroenterica

Ogni intervento demolitivo sul pancreas comporta una aumentato rischio di sviluppare il diabete, e/o l’insufficienza esocrina che consiste nella ridotta capacità di digestione, e quindi assimilazione, dei grassi alimentari. La terapia ipoglicemizzante e l’assunzione degli enzimi pancreatici sostitutivi permettono di sopperire a queste carenze consentendo una vita pressoché normale. La pancreasectomia totale comporta nel 100% dei casi il diabete insulino dispendente e l’insufficienza esocrina completa.

 

 

Torna all'inizio della chirurgia del Pancreas

 


Casa di Cura Pederzoli S.p.A. via Monte Baldo 24 - 37019 Peschiera del Garda, Verona
Unità di chirurgia del pancreas
Tel. (+39) 045.64.49.111 Fax (+39) 045.64.49.223

Sito web a norma W3C
Lingua italiana English

HOME   |    REPARTO   |    SERVIZI   |    PERSONALE   |    INFO E CONTATTI    |   DOVE SIAMO

ARTICOLI E FORMAZIONE   |    IL PANCREAS    |   CHIRURGIA   |   CHIRURGIA MININVASIVA

NEOPLASIE    |     PANCREATITE    |     RADIOFREQUENZA

Restyling sito web: Marco Turra - webmaster, realizzazione e posizionamento siti web Verona, Padova, Vicenza, Milano, Roma